Sardegna, partita la raccolta fondi dell’Unione Coltivatori Italiani

Oltre 2.000 sfollati, circa 20.000 ettari bruciati, interi greggi perduti, case ed aziende agricole irrimediabilmente distrutte. Sono solo i primi numeri, purtroppo destinati a crescere, del disastro che ha colpito l’oristanese, in particolare la zona del Montiferru, negli ultimi 4 giorni.

LE PAROLE DEL PRESIDENTE SERPILLO
“La nostra Sardegna, ancora una volta, chiamata a sostenere una durissima prova! È giunta l’ora di mostrare solidarietà: l’UCI vuole fare la propria parte, essere promotrice di una raccolta fondi per aiutare la Sardegna a rialzarsi”, queste le prime dichiarazioni del Presidente Nazionale, Mario Serpillo, che si stringe al dolore dei suoi conterranei. “Le nostre genti non si piegano, forti della loro identità e di tanto coraggio per sostenere e vincere le sfide, che sempre più frequenti ostacolano il loro cammino! L’UCI ha attivato immediatamente la macchina della solidarietà: intendiamo restituire fiducia e dignità al mondo rurale sardo, quello delle campagne, delle realtà produttive che, spesso da sole, fanno mercato, difendono e rilanciano il Made in Italy, risvegliando quel sentimento di identità nazionale che in questi giorni di competizioni olimpiche tanto ci rende orgogliosi”.

LA RACCONTA FONDI PER LA SARDEGNA
La somma raccolta con il crowdfunding sarà devoluta a favore della ricostruzione di quanto è andato perduto. Verrà il momento delle analisi, della necessaria comprensione di fenomeni che stanno mettendo a dura prova i nostri territori, ma oggi l’emergenza è voltare subito pagina, ricostruire e rinascere dalle ceneri. Donare è un gesto obbligato di solidarietà. L’Unione Coltivatori Italiani crede sia sia fondamentale portare un contributo forte, come organizzazione di settore. L’umanità ed il grande cuore dei Sardi sono una garanzia per risollevarsi insieme e riprendere la strada della ricostruzione.

COME DONARE
Sarà possibile aderire alla raccolta fondi attraverso il seguente link: https://tinyurl.com/5h4u8vxu.

Comments are closed.