Assegno unico famiglie e aumenti ANF 2021

Il decreto sull’assegno unico per i figli che sarà erogato da luglio 2021 alle famiglie con figli è stato approvato dal Consiglio dei ministri ed è ora attesa di pubblicazione. Come aveva anticipato la Ministra Bonetti qualche settimana fa, viste le difficolta di realizzare entro luglio la riforma complessiva degli aiuti alle famiglie di cui l’assegno unico universale fa parte, il debutto della riforma completa slitta a gennaio 2022. (Leggi in merito Assegno unico legge approvata: come funziona)

Per luglio 2021 però, utilizzando le risorse già stanziate dalla legge di bilancio (3 miliardi di euro) è stata messa a punto una forma provvisoria di aiuto economico per tutte le famiglie con figli che non godono oggi di detrazioni e assegni familiari. Sempre in forma temporanea, si aumentano gli importi dell’Assegno al nucleo familiare ANF.

Vediamo di seguito ulteriori dettagli su requisiti, modalità di domanda erogazione degli importi, aumento ANF, sulla base della bozza di decreto.

L’assegno unico figli 2021: requisiti, domanda
L’assegno unico spetterà da luglio 2021 alle categorie oggi escluse dagli assegni per il nucleo familiare e dalle detrazioni fiscali per figli a carico (1,8 milioni di famiglie). Si tratta in particolare di:

  • lavoratori autonomi con ISEE fino a 50 mila euro
  • disoccupati
  • incapienti

Si dovrà fare domanda all’INPS secondo le istruzioni che dovrebbero essere emanate dall’Istituto entro il 30 giugno. La scadenza dovrebbe essere il 30 settembre 2021 ma l’erogazione sarà retroattiva e partira comunque da luglio 2021. Per ottenere l’ISEE a regime poi l’erogazione partira dal mese di presentazione della domanda.

Assegno unico famiglie 2021: importi e modalità di erogazione
Gli importi per l’assegno sono rapportati alla situazione economica della famiglia:

  • con Isee fino a 7 mila euro e due figli a carico l’assegno sarà di 167,5 euro per ciascuno
  • con isee fino a 7 mila euro e con almeno tre figli l’assegno sara di 217,8 per ciascuno
  • con ISEE tra 40 e 50 mila euro l’assegno scende rispettivamente a 30 o 40 euro ( in presenza di due o tre o più figli)

La media del contributo complessivo per i 6 mesi previsti è oltre 1000 euro.

Per i figli disabili è prevista la maggiorazione di 50 euro mensili
L’Inps verserà gli importi direttamente nel conto corrente indicato dal richiedente. In caso di genitori separati con affido condiviso sarà suddiviso al 50% tra i due genitori.

L’Assegno unico sarà :

  • esente dall’Irpef
  • compatibile con il reddito di cittadinanza
  • compatibile con altri aiuti e bonus erogati da Regioni e Comuni.

Aumento Assegni familiari
A luglio dunque sarà forse per l’ultima volta necessario ancora rinnovare la domanda all’Inps per continuare a fruire degli assegni al nucleo familiare. Si confermano anche per il 2021 le detrazioni per i figli a carico. Inoltre il decreto prevede per questi sei mesi del 2021, in attesa della riforma, l’aumento degli assegni per il nucleo familiare nella misura di:

  • 37,5 euro per le famiglie fino a due figli
  • 55 euro per le famiglie con più di due figli

I punti critici per l’attuazione della legge delega, ora parzialmente definiti dal decreto, erano molti e per alcuni si devono attendere ulteriori decreti attuativi:

  • innanzitutto la quadratura tra risorse e sostituzione delle attuali agevolazioni facendo in modo che nel passaggio alcune famiglie non ricevano nulla in meno di quanto percepiscono ora. Su questo sia la ministra Bonetti che l’on. Del Rio firmatario della legge delega, sono stati: nessuna famiglia avrà meno vantaggi di quanto non avesse prima;
  • la riforma del meccanismo di contribuzione a carico dei datori di lavoro che oggi finanziano gli assegni al nucleo familiare con circa 2 miliardi di euro.

Fonte: Fiscoetasse.it

Comments are closed.