Colf e badanti: assunzione, annullamento e documenti richiesti

Previdenza - 19 Apr 2023

Assumere colf e badanti diventa più semplice. L normativa prevede, per il datore di lavoro domestico, l’obbligo di comunicare al’INPS in via telematica l’assunzione del lavoratore domestico entro le ore 24 del giorno antecedente l’inizio del rapporto di lavoro. La comunicazione può essere fatta direttamente dal datore di lavoro o avvalendosi di consulenti o associazioni sindacali abilitate (Patronati) ( In alternativa, è possibile ricorrere al Contact Center INPS.

La comunicazione, che ha efficacia anche nei confronti dell’INAIL ai fini dell’assicurazione contro gli infortuni, è sempre obbligatoria anche se si tratta di:

  • periodo di prova;
  • lavoro saltuario o discontinuo;
  • lavoratore già assicurato presso un altro datore di lavoro o per un’altra attività;
  • lavoratore già titolare di pensione.

Obbligo di comunicazione e annullamento

L’obbligo di comunicazione esiste anche in fase di proroga, trasformazione (da tempo determinato a tempo indeterminato oppure in caso di svolgimento dell’attività in una abitazione del datore di lavoro diversa da quella comunicata precedentemente) e cessazione del rapporto di lavoro. In questi casi la comunicazione dovrà essere effettuata entro cinque giorni dall’evento.

L’annullamento di una denuncia di assunzione è consentito, purché sia comunicata entro cinque giorni dalla data indicata quale inizio del rapporto di lavoro.

Documenti per i servizi online

Per chi decide di far da sé per l’accesso ai servizi online è necessario il possesso :

  • di una identità SPID
  • o di una Carta Nazionale dei Servizi (CNS)
  • o della Carta di Identità elettronica CIE

Una volta autenticati è possibile accedere alla schermata dell’area dedicata nella sezione servizi>lavoratori domestici.

Si ricorda che per denunciare il rapporto di lavoro oltre ai dati anagrafici e fiscali del datore occorrono, per il dipendente:

  • copia di un documento di identità non scaduto;
  • copia del codice fiscale;
  • il permesso di soggiorno (rinnovato o in attesa) nel caso di collaboratore extracomunitario.

ATTENZIONE
Dal 2022 sono in vigore anche per i datori di lavoro domestico nuovi obblighi di informazione completa a colf e badanti sulle condizioni di lavoro, previsti dal recente Decreto Trasparenza n. 104 2022 I privati che assumono colf , badanti , baby sitter devono quindi fare attenzione a inserire nel contratto di assunzione o allegare al contratto un documento che ne illustra i vari aspetti , più in dettaglio rispetto al passato.

Assunzioni colf e badanti le sanzioni per omessa comunicazione

In caso di omessa o ritarda comunicazione, è prevista una sanzione amministrativa che va da 200 a 500 euro per ogni lavoratore di cui non si è comunicata l’assunzione. Questa sanzione può essere cumulata con la san zione per la mancata iscrizione all’INPS e/o alla sanzione civile prevista per l’omesso pagamento dei contributi.(L’importo della sanzione per mancata iscrizione del lavoratore domestico all’INPS va da 1.500 euro a 12.000 euro per ciascun lavoratore “in nero”, maggiorata di 150 euro per ciascuna giornata di lavoro effettuato).

Nuovo servizio INPS per la comunicazione obbligatoria

Grazie alla nuova funzionalità dell’applicazione per i dispositivi mobili APP INPS MOBILE i datori di lavoro potranno comunicare l’assunzione di colf e badanti direttamente dal proprio smartphone. Le applicazioni sono scaricabili GRATUITAMENTE dagli store online.

Questo servizio si aggiunge agli altri che l’Istituto ha già messo a disposizione per i datori di lavoro domestico quali il pagamento dei contributi di lavoro domestico e le relative notifiche. L’istituto sottolinea che il servizio è stato realizzato anche grazie alla collaborazione degli utenti, che – prima del rilascio – hanno fornito un dettagliato feedback e il loro punto di vista sulle varie funzionalità della nuova app.