Ristori terzo settore: da oggi si può presentare la domanda

primo piano - 18 Lug 2022

Dalle ore 10 di oggi 18 luglio le ENC e le ONLUS del settore socio-sanitario possono presentare domanda per il contributo a valere sul fondo straordinario ETS settore sanitario. Possono beneficiare delle risorse i soggetti in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere titolari di partita IVA, fiscalmente residenti nel territorio dello Stato;
  • avere svolto prestazione di servizi socio-sanitari e assistenziali, in regime diurno, semi-residenziale e residenziale, in favore di anziani non autosufficienti o disabili, nel periodo ricompreso tra il 31 gennaio 2020 e il 31 dicembre 2021, corrispondente alla durata dello stato emergenziale da Covid19;
  • essere titolari di autorizzazione al funzionamento ai sensi della normativa regionale e provinciale di riferimento.

Le istanze devono essere presentate esclusivamente attraverso la piattaforma elettronica predisposta dalla Direzione Generale dei sistemi informativi, dell’innovazione tecnologica, del monitoraggio dati e della comunicazione e denominata “Ristori Enti Terzo Settore art. 1-quater del D.L. n. 73/2021″ disponibile istituzionale servizi.lavoro.gov.it a partire dalle ore 10.00 del 18 luglio 2022 fino alle ore 18.00 del 24 agosto 2022. È ammessa da parte di ciascun ente la presentazione di una sola istanza di contributo.

Si precisa che scaduto il termine di presentazione delle istanze, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali invia entro il 26 agosto 2022 alle Regioni e Province autonome gli elenchi delle richieste pervenute sulla piattaforma ed esse avvieranno la fase di controllo a campione che sarà terminata entro il 26 settembre 2022. Decorso il termine suindicato senza che il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali abbia ricevuto integrale riscontro dalle Regioni e dalle Province Autonome, le istanze presentate si intendono accolte.

Infine, entro il 20 ottobre 2022, il Ministero provvederà al caricamento nella piattaforma elettronica “Ristori Enti Terzo Settore” degli elenchi degli enti che hanno superato la fase di controllo e gli importi riconosciuti a ciascuno di essi. Seguirà quindi il trasferimento delle risorse a livello regionale/provinciale per l’effettiva erogazione delle somme.